Cosa ho imparato dal seminario Turismo e Cervello: connessioni neurali

Il tema, affrontato al seminario “Turismo e Cervello: connessioni neurali”, è stato insolito e originale.  Sicuramente ricco di interessanti  spunti e riflessioni per gli operatori del settore turistico.   Un’occasione che ha permesso a persone estranee al mondo delle neuroscienze, della psicanalisi e della psicologia di fare delle scoperte quanto meno affascinanti.

L’idea di abbinare: viaggio e connessioni neurali è venuta per caso dall’incontro tra Paola Tournour-Viron, ideatrice del progetto Contaminazioni in Viaggio, e il dottore Mauro Felletti, neurospichiatra e psicoanalista, grazie a una loro conversazione informale, basata sulla curiosità che suscita la psicologia nel settore turistico.

Felletti inizia la sua lectio-magistralis affermando:

<< Il viaggio riassume un’esperienza umana quella di esplorare. E allora credo, che il viaggio deve diventare il significante, cioè attribuire un significato nuovo>>.

Qual è la chiave di lettura?

Ebbene la sua affermazione può essere spiegata dalla genetica. La voglia di viaggiare o meglio di esplorare luoghi sconosciuti dipenderebbe nientemeno che da un gene. A svelare se siamo autentici viaggiatori o meno sarebbe dunque il nostro DNA, il cosiddetto “gene del viaggio”.
Il recettore della dopamina (un neurotrasmettitore prodotto dal cervello che ha un ruolo importante nei meccanismi dell’apprendimento e della ricompensa) nella sua variante DRD4-7r, che tra le  popolazioni nomadi (nostri antenati)  era più presente che in quelle stanziali.

La prevalenza nella popolazione del DRD4-7r e 2r è presente in circa un quarto della popolazione, per cui potremmo dire, seguendo la direzione del dottor Felletti che:” viaggiatori si nasce e non si diventa”.

E’ probabile che altri geni influenzino questa propensione e che questo allele adattativo abbia svolto una grande funzione nei viaggi per necessità, come il succedersi delle ere geologiche e le migrazioni  in parte ci dimostrano. Quello che però risulta  interessante analizzare più in dettaglio,  sul piano delle neuroscienze e dei circuiti neurali coinvolti, è il rapporto tra la funzione della dopamina ed alcune caratteristiche comportamentali. Tant’è che secondo Felletti  questa scoperta può essere considerata un punto di partenza e non l’arrivo.

Ma cosa c’entra tutto questo con la vendita di un pacchetto o di soggiorno in una struttura ricettiva? Perché gli operatori turistici devono agire sulla dopamina?

Perché questo neurotrasmettitore agisce sulla curiosità, intesa come motivazione intrinseca al conoscere e all’esplorare; quindi un atteggiamento curioso è fondato su una base biologica.

In sostanza, la dopamina incide sul processo decisionale tra la scelta di una gratificazione immediata e una gratificazione più vantaggiosa, ma posticipata nel tempo. Ricerche hanno dimostrato che quando i livelli di dopamina sono più alti i comportamenti sono più impulsivi e si sceglie l’opzione “del tutto e subito”.

Le ragioni?

Perché: non si pensa al rischio, si tende andare nell’oltre, nell’altrove simbolico.

E allora?  Si potrebbe pensare il viaggio in un’altra dimensione? Prendere un’altra direzione?
Il suggerimento del neurospichiatra: << il viaggio pensato come esperienza simbolica (l’altrove simbolico) che si stacca dal reale. Meno viator (viaggiatore) e più peregrinus o pre agros.

Se non ci sentiamo rinnovati lo scopo stesso del viaggio è stato mancato. Nasce così una nuova manifestazione della vecchia tradizione del viaggio filosofico, una ricerca di origini culturali e di significati, ricerca che è il prodotto forse di viaggi scarnificanti, semplificanti, e riduttivi di generazioni>>.

E ancora sottolinea con forza il significato della parola curiosità, dal latino cura, sollecitudine, premura, attenzione. Un punto da cui partire per la realizzazione di nuovi prodotti viaggio.

Melania Cammisa
Taggato con: ,